News min

Published on giugno 3rd, 2020 | by Chiara Alonzo

0

La Tigre di Cremona ruggisce ancora

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Quante volte si è sentito parlare o leggere de “La tigre di Cremona”? Tante e innumerevoli volte. Ma perché? E, soprattutto, riferito a chi? A lei, alla celeberrima cantante ribattezzata con questo appellativo, la regina della canzone italiana; lei, l’indiscussa interprete dalla voce di grande ed eccezionale forza coinvolgente: Anna Maria Mazzini, in arte Mina.

Da sempre, quest’artista, (a ragione) rappresenta una vera e propria icona di stile canoro eclettico, dal carattere forte, ribelle e prorompente, innamorata dell’amore.

Mina, sin da subito, ha dimostrato una forte personalità, nella vita così come sul palcoscenico, incantando e appassionando milioni di persone.

“La tigre …” muove i suoi primi passi nel panorama artistico italiano all’età di 13 anni, evidenziando da subito un grande talento: il canto. Vince molte gare canore, collezionando, nella propria carriera, innumerevoli e convincenti apprezzamenti, fino al raggiungimento di quel successo che, nel 1959, la rese una cantante dalla carriera dirompente. La canzone in questione è “Tintarella di Luna”. Interprete di spessore, prestigio e valenza non comune, Mina colleziona non pochi successi anche in veste di conduttrice di spettacoli trasmessi dalla TV il sabato sera, si pensi, per esempio, a Studio Uno.

Purtroppo, però, a causa di una broncopolmonite, Mina, lungo il corso della sua carriera, si trova costretta a rinunciare ai concerti previsti; affrontando il periodo di convalescenza a casa, uscendo poi, definitivamente di scena circa quaranta anni fa.

Nonostante la sua decisione però, negli anni, ha lasciato un segno indelebile nella storia della canzone e della musica italiana. Ancora oggi, come ieri, “la tigre …” riesce a emozionare attraverso la sua voce calda e ammaliante. Una voce unica e originale come poche ce ne sono state!

Forse proprio per questo, oggi, è difficile trovare una degna rivale ovvero una giusta erede di Mina?

Sembra quasi impossibile! Per certi tratti Nina Zilli potrebbe sperare in un probabile paragone sufficientemente valido, ma l’impresa è davvero ardua.

Mina, con la sua passione per l’arte canora ha saputo sovvertire tutti gli schemi vocali, il canto e ha riempito della sua originalità la musica attraverso cui critici ed esperti le hanno riconosciuto grandezza e irripetibilità, lasciandola diventare un mito ineguagliabile.

Chiara Alonzo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Tags: ,


About the Author

Nata a Cassino, sin da piccola si appassiona al mondo del cinema, della televisione e del giornalismo, grazie anche all’influenza professionale di suo padre. Si laurea in Scienze della Comunicazione e muovi i suoi primi passi in radio. Si definisce una persona molto curiosa, caparbia e determinata e, forse, anche grazie a questo, ha la fortuna di perseguire i suoi sogni. Attualmente lavora come autrice e nella produzione di format televisivi e documentari.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑