News giunirusso

Published on ottobre 15th, 2013 | by Ylenia Rossini

0

Unica: album di inediti di Giuni Russo a nove anni dalla scomparsa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Unica, come unica era la sua voce. La voce di Cristiano Malgioglio trema nel ricordare Giuni Russo, nome d’arte di Giuseppa Romeo, scomparsa nella notte tra il 13 e il 14 settembre 2004. Unica è il cd che esce oggi. Dodici brani, di cui 8 inediti su cd, che coprono il decennio 1968-1978, dagli esordi al Festival di Sanremo, in cui avviene la svolta artistica di Giuni Russo, grazie anche ai testi di Malgioglio che  dice: “Era la più grande cantante della sua generazione e non solo. Sono molto legato a lei, anche artisticamente, perché ha cominciato la sua carriera cantando pezzi scritti da me. Per me ‘Unica’ è davvero un regalo, che mi fa pensare a un bel periodo”.

Nata in Sicilia nel 1951, grazie alla sua tecnica indiscutibile e alla sensibilità interpretativa, era di certo un’artista fuori dal comune, figura interessante nel panorama musicale italiano e internazionale. Cresciuta in una famiglia in cui la musica lirica era l’incontrastata regina, Giuni Russo inizia giovanissima a studiare canto e composizione, raffinando precocemente il suo eccezionale talento naturale. Chi non ricorda il suo verso del gabbiano, il suo marchio di fabbrica.


“L’80% dei fan di Giuni sono stranieri. I suoi due fan club più attivi sono nati a Madrid e in California – dice Maria Antonietta Sisini, musicista che per ben 36 anni ha diviso con Giuni Russo “le gioie e i dolori in una felice e rara comunione di vita e arte” – sono proprio loro che hanno chiesto la pubblicazione in cd dei primi 45 giri. Un periodo questo, dal 1968 al ’78, in cui si nota il percorso artistico di una giovanissima Giuni che ci permette di ascoltare i primi versi dei gabbiani in ‘La chiave’ e in ‘Che mi succede adesso’ fino alla svolta con i brani di Malgioglio”.

“Il binomio artistico con Sisini è bello, speciale – sottolinea ancora Malgioglio – tra i brani che preferisco c’è ‘Soli noi’, una canzone d’amore dal testo forte. Lei era un’interprete ideale per i miei testi, con la sua voce faceva cose incredibili. L’unica artista che potrei paragonare a Giuni è Timi Yuro – di cui ha cantato Hurt(A chi) – che tra i suoi fan più accaniti vantava Elvis Presley”.

Per ricordare questa grande artista Malgioglio ha già proposto alla Rai un progetto, una serata Unica in cui sarà raccontata la storia di Giuni Russo e cantati i suoi successi: “Ho pensato a voci forti come quella di Emma, Alice, Antonella Ruggiero e Monica Naranjo. Ma anche alla cantante dei Baustelle, Rachele Bastreghi”. E lancia un appello a Maria de Filippi: “Vorrei chiederle di creare per la trasmissione Amici un premio Giuni Russo per il vincitore”. Poi conclude: “Mi commuovo sempre tanto sulla fine di Addio, quell’acuto finale è da brivido. A sentirlo tutto l’universo trema”.

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Tags:


About the Author

Nata a Firenze, dopo una laurea in Marketing, ho capito che il lavoro in azienda non faceva per me perchè oscurava la mia creatività. Il vecchio pallino della scrittura e l’amore per il web hanno fatto la differenza. Blogger e giornalista free lance, unisco l’antica passione per il “mestieraccio” a quella per i viaggi e la musica…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑