interviste rey

Published on agosto 22nd, 2020 | by Chiara Alonzo

0

Sognando Sanremo: Megamusic intervista Carolina Rey

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Carolina Rey, bellezza acqua e sapone, classe 1991, mamma di Filippo, un bellissimo e simpaticissimo bambino di 2 anni. Conduttrice televisiva, cantante e attrice. Un’artista davvero completa, matura, versatile e poliedrica. La semplicità, la dolcezza, la determinazione associati alla sua caparbietà, rendono Carolina una delle artiste più talentuose e promettenti del panorama televisivo italiano.

Nonostante la giovane età, vanta già un curriculum di tutto rispetto. Alterna la televisione al cinema: è stata il volto femminile nel programma “Tiggì Gulp” dedicato ai ragazzi su Rai Gulp; inviata de “La vita in diretta estate” su Rai 1; è la voce della colonna sonora del film ” Sconnessi” candidata poi ai Nastri d’argento; interprete con Vincenzo Salemme e Diego Abatantuono nel film “Compromessi sposi” di cui scrive e canta uno dei brani più belli; conduttrice, in diverse edizioni, per la rassegna internazionale di cinema “Marateale – la notte del cinema” a cura di Tommaso Martinelli e Luigi Miliucci. Attualmente inviata del programma “C’è tempo per…” in onda la mattina su Rai 1 condotto da Beppe Convertini ed Anna Falchi; è stata Scelta da Carlo Conti e prossimamente la vedremo cimentarsi in uno dei talent show più longevi e amati dagli italiani “Tale e quale show”.

Ho avuto il piacere di fare quattro chiacchiere con Carolina.

Da piccola ti sei iscritta all’Accademia del Santa Cecilia, com’è nata la passione per il canto?

Credo sia nata con me. Ho delle foto da bimba in cui tenevo un microfono in mano provando a cantare. A soli 4 anni, mia mamma mi ha seduta su un pianoforte e da lì non ho mai smesso di suonare, cantare e vivere circondata da musica.

Tua madre è un’artista, un’ affermata cantante lirica, questo ha influenzato nelle tue passioni?

Sicuramente si, crescere respirando arte e avere una persona in casa che ti trasmette una passione così forte è stato fondamentale. Da piccolina la seguivo nel backstage di tutti i suoi concerti, mi piaceva stare dietro il palco ed ero la mascotte della produzione, spesso. Sognavo di salirci con lei e in qualche modo ci sono riuscita perché quando avevo 14 anni, abbiamo preso parte alla stessa rassegna musicale.

Qual è il tuo sogno più grande?

Il mio sogno più grande è quello di riuscire a vivere facendo quello che amo. Parlando nel concreto di lavoro, sogno di arrivare a Sanremo da conduttrice.

Come riesci ad affrontare le tue emozioni sul palcoscenico?

Spesso prima degli spettacoli sono in ansia, mi sento emozionata, teso ed ho paura di sbagliare ma, poi, quando entro in scena, succede qualcosa per cui quella “paura” si trasforma in energia, in carica e in voglia di comunicare.

Hai mai fatto l’autrice tv oppure hai mai pensato di farlo?

Non mi è mai capitato ancora ma a me piacerebbe molto perché più cresco professionalmente più mi affascina costruire progetti a cui prendo prendo parte. Penso che un bravo conduttore possa “cucirsi addosso” (chiaramente con una squadra qualificata a supporto), i vari programmi che conduce per renderli più personali, autentici ed efficaci.

Aspettiamo con ansia di vederla in prima serata nel talent show dove sicuramente otterrà, come sempre, un grande seguito.

Chiara Alonzo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Tags:


About the Author

Nata a Cassino, sin da piccola si appassiona al mondo del cinema, della televisione e del giornalismo, grazie anche all’influenza professionale di suo padre. Si laurea in Scienze della Comunicazione e muovi i suoi primi passi in radio. Si definisce una persona molto curiosa, caparbia e determinata e, forse, anche grazie a questo, ha la fortuna di perseguire i suoi sogni. Attualmente lavora come autrice e nella produzione di format televisivi e documentari.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑