interviste Greta_Back_foto di Federico Cangianello ©_b assa (3)

Published on giugno 10th, 2013 | by Antonio Tortolano

0

Megamusic intervista Greta

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Oggi Megamusic vi propone l’intervista a Greta Manuzi. La cantante romagnola ha sfiorato la vittoria nella dodicesima edizione di Amici terminata pochi giorni fa. Un secondo posto, quello conquistato dall’artista di Longiano, raggiunto grazie alla grande determinazione e caparbietà mostrata e alla costante crescita all’interno del programma. Da domenica Greta, ventunenne di Longiano, è in giro per l’Italia con un instore tour per incontrare i suoi fan e promuovere Solo Rumore, l’album uscito da pochissimo e che ha già raggiunto la quinta posizione nella classifica Fimi. Ecco l’intervista che Greta ha rilasciato al nostro magazine.

Greta, è partito il tuo instore tour. Quali emozioni stai provando?

Sono sensazioni uniche, uscita da Amici, non vedevo l’ora di poter avere un contatto diretto con la gente che mi ha sostenuta in tutto questo percorso. Vedere i fan entusiasmarsi così per me è una cosa mi trasmette una super carica.

Arrivare alla finalissima di Amici, te lo saresti aspettato qualche mese fa?

Assolutamente no. Ma sono davvero soddisfatta e contenta per quello che ho saputo dare e trasmettere. Mi sono impegnata al massimo per ottenete un risultato positivo. Ad Amici si cresce e si impara tanto. Ho conosciuto delle persone meravigliose e mi ritengo fortunata.

Greta-Solo Rumore
Se dovessi ringraziare in modo particolare due persone all’interno del programma, quali nomi faresti?

Sicuramente una è Emma. E’ stata una coach e un’amica perfetta. Ha una forza incredibile che riesce a trasmettere con grande facilità. E poi ringrazio il maestro Pino Perris, persona speciale che ama il suo lavoro e che mi ha aiutato tantissimo.

Il tuo percorso non è stato certo facile, i momenti difficili sono stati diversi

Diciamo che le critiche negative mi hanno aiutata e invece di deprimermi mi hanno caricata ancora di più. E’ stato un motivo valido di crescita e i miei compagni mi hanno sempre sostenuto.

A proposito di compagni di viaggio, con chi hai legato di più all’interno di Amici?

Sicuramente con Pasquale, ci sentiamo sempre, è nata una vera e bella amicizia.

La prima persona che hai sentito dopo la finale

Mia madre e ovviamente tutta la mia famiglia.

Quali sono i tuoi rapporti con Verdiana?

Al serale eravamo in due squadre diverse, ora siamo impegnatissime con la promozione e c’è poco tempo per vedersi. Sicuramente c’è una stima reciproca a livello professionale.

Cosa ti aspetti da questo instore tour appena partito?

Voglio divertirmi insieme ai miei fan, vedere tanta gente. E’ una grande opportunità per me. 

Contro Moreno impossibile vincere?

Siamo diversi, due generi musicali differenti. Ma in quel momento ho pensato a godermi il tutto e a cantare nel miglior modo possibile. Già essere arrivati in finale e comunque al secondo gradino più alto era un traguardo eccellente. Certo, il premio in denaro avrebbe fatto comodo a chiunque, ma va benissimo così. Secondo me abbiamo vinto tutti e quattro, con le nostre qualità e per quello che abbiamo saputo offrire.

greta

E dei tre giudici cosa ci dici? Quello che hai apprezzato di più?

Tre persone deliziose, diverse tra di loro. Direi che Gabry Ponte mi ha colpito più di tutti. Le sue critiche erano costruttive e mi hanno aiutato e caricato positivamente.

L’ospite che ti ha emozionato di più?

Sicuramente quando mi sono esibita con gli Skunk Anansie. Un momento indimenticabile.

Quali consigli vorresti dare ai giovani che in questi giorni stanno facendo i casting per la nuova edizione di Amici?

Di essere sempre se stessi. Di vivere la musica serenamente. Non bisogna mai cambiare, è quello l’obiettivo perchè il rischio è quello di perdere la propria identità. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Tags:


About the Author

Nato a Cassino, ai piedi della celebre abbazia, sono cresciuto con la passione per lo sport e per il giornalismo. Roma prima e Milano poi mi hanno accolto per farmi compiere il salto di qualità. Lavorare in tv e per la carta stampata non mi bastava più e allora dal pallino per la rete ecco nascere lospaccatv, megamusic e lamiaradio, tre magazine online di cui vado fiero...



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑